Conoscere è fondamentale per scegliere consapevolmente. Scopri tutto quello che c’è da sapere sul mercato libero ed i vantaggi che offre rispetto al mercato tutelato.
Dal luglio del 2007 il mercato dell’energia italiano è stato completamente liberalizzato. Ciò significa che agli operatori tradizionali (operanti in regime tutelato) possono affiancarsi nuovi operatori privati liberi di determinare le proprie politiche commerciali offrendo ai clienti sconti, promozioni e servizi aggiuntivi. La liberalizzazione, infatti, ha interessato solo la vendita dell’energia elettrica e non la distribuzione dell’elettricità attraverso la rete elettrica. Questo perché liberalizzare questo servizio non sarebbe conveniente per gli utenti finali.
Nei 10 anni trascorsi dall’inizio della liberalizzazione, mercato libero e mercato tutelato hanno convissuto pacificamente sotto lo stretto controllo dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) che vigila sull’adozione di procedure trasparenti e corrette.
Il mese di luglio del 2019 sarà un momento epocale per il mercato energetico nazionale. Entro quella data, infatti, è prevista la transizione completa ad un mercato concorrenziale in cui tutti gli intestatari di un contratto di fornitura luce o gas dovranno obbligatoriamente passare al mercato libero e scegliere a chi affidare le proprie utenze.

Quali sono le differenze tra il mercato tutelato ed il mercato libero?

Una delle principali differenze tra i due mercati sta nella determinazione dei prezzi delle materie prime. Nel mercato tutelato il prezzo è fissato trimestralmente dall’Autorità dell’energia sulla base dell’andamento dei prezzi di mercato; nel mercato libero, invece, i diversi operatori sono liberi di scegliere autonomamente le proprie strategie commerciali e determinare i prezzi delle proprie tariffe che devono essere necessariamente competitive rispetto a quelle dei concorrenti.
Questo fa si che chi vende energia e gas nel mercato libero può scegliere di offrire ai propri clienti sconti e promozioni, prezzi bloccati, programmi fedeltà e soprattutto servizi aggiuntivi compresi direttamente in bolletta.
Proprio questo è l’altro punto di forza del mercato libero che in questo modo riesce ad essere più vicino al cliente, capirne le esigenze e studiare soluzioni personalizzate per soddisfarle.
Per un operatore del mercato libero, luce e gas non sono delle semplici utilities di cui il cliente non può fare a meno e che deve acquistare alle condizioni imposte dall’unico operatore di mercato, ma un bene attraverso il quale le persone realizzano sé stesse, si connettono al mondo circostante in maniera semplice e veloce (telecomunicazioni ed Information Technology) e si spostano in spazi fisici (mobilità elettrica) e virtuali (internet).
Il prezzo, quindi, non è più l’unico parametro di valutazione. A questo se ne aggiungono tanti altri come:

  • la sostenibilità ambientale: noi di b-on, ad esempio, acquistiamo e rivendiamo solo energia proveniente da fonti pulite e rinnovabili che non danneggiano l’ambiente
  • la possibilità di avere a disposizione dei consulenti dedicati che in breve tempo si fanno carico delle richieste che ricevono, sanno consigliare la giusta offerta sulla base dello specifico fabbisogno, aiutano a ridurre gli sprechi e a rendere più efficiente la gestione dei consumi a casa o al lavoro
  • il supporto ad importanti iniziative sociali come ad esempio il sostegno a onlus, start up, etc.

L’apertura del mercato dell’energia alla concorrenza ha, inoltre, indotto gli operatori ad una sempre maggiore trasparenza e chiarezza nella comunicazione. I clienti, infatti, sono sempre più informati ed attivi nella scelta del proprio fornitore e non sono più disposti a subirlo passivamente né tanto meno ad accettare tecniche di vendita aggressive.

Le offerte

Il mercato libero è caratterizzato da una grande varietà di offerte il che gioca ulteriormente a favore della possibilità offerta al cliente di scegliere tra le opzioni che meglio rispondono alle specifiche caratteristiche di utilizzo di luce e gas, possibilità che fino ad ora era negata.
Le persone potranno scegliere tra tariffe monorarie, biorarie (come nel mercato tutelato) e multiorarie; a prezzo fisso, variabile o indicizzato che permettono di ottenere importanti risparmi sfruttando i ribassi del costo delle materie prime sul mercato.

b-on ed il mercato libero

L’obiettivo di b-on è quello di instaurare un rapporto privilegiato con chi ha scelto di aderire alle nostre offerte fondato sull’impegno a ridurre gli oneri di gestione e a garantire un’assistenza a tutto tondo in grado di cogliere le diverse esigenze dei nostri interlocutori, consigliando sempre la tariffa più adatta a rendere più efficiente la gestione dei consumi a casa o al lavoro.
Passare a b-on non comporta nessuna interruzione del servizio né disagi di altro tipo: ci occupiamo  di tutte le pratiche necessarie a recedere dal contratto con il vecchio operatore e ad attivare la nuova utenza.
Se hai ancora qualche dubbi e necessiti di ulteriori informazioni vai alla sezione “FAQ” del nostro sito, oppure contattaci senza alcun impegno.