L’obiettivo dell’iniziativa è indicare il percorso e gli strumenti per trasformare contesti urbani in realtà smart
Come trasformare la propria città in una Smart City? È questo l’interrogativo alla base del progetto promosso da ENEA “Convergenza Smart City and Community” che ha lo scopo di indicare la strada e gli strumenti per rendere smart le nostre città. Si tratta di una iniziativa che coinvolge anche la Presidenza del Consiglio, Consip, Confindustria Nazionale e l’Agenzia per l’Italia Digitale; tra gli obiettivi ha infatti anche quello di promuovere la riorganizzazione digitale dei processi gestionali nei contesti urbani e territoriali, trovando metodi e strategie comuni da condividere.
È stato anche avviato un “Tavolo di Convergenza Nazionale Smart City and Community” grazie al quale è stato redatto lo “SmartItaly Goal”, il primo documento programmatico della roadmap nazionale sul tema. Significa dunque andare verso un modello di collaborazione e condivisione nuovo sia in merito ai processi gestionali, sia in relazione all’innovazione urbana, in termini di tecniche specifiche, standard e protocolli. L’intento è delineare una vera e propria roadmap verso la Smart City, con un kit di supporto agli amministratori, una sorta di ‘cassetta degli attrezzi’ nella quale si possono trovare gli strumenti utili per il comune coinvolto.
Il percorso si preannuncia quindi lungo e complesso, ma visti i benefici sperati, vale la pena attendere i risultati.